Quanto costa l'anticoncezionale diaframma e quali sono gli effetti collaterali

anticoncezionale diaframma

Tra i tanti metodi contraccettivi femminili che si possono usare, il diaframma anticoncezionale è forse uno dei meno conosciuti. Si tratta di un sistema di barriera che non rende immuni dalle malattie trasmissibili con il sesso, ma che offre una protezione contro le gravidanze che varia dal 94 al 99 per cento.

Il diaframma anticoncezionale è semisfera di gomma o di silicone chirurgico di piccole dimensioni, che ha un anello flessibile dello stesso materiale. Nel bordo è contenuto uno spermicida, che bisogna inserire prima dell'introduzione nella vagina. Deve essere inserito alla bocca dell'utero, per impedire che gli spermatozoi entrino per fecondare l'ovulo.

Il diaframma anticoncezionale deve essere inserito prima di un rapporto sessuale, ma attenzione perché lo spermicida ha una durata di 5 ore.

Il diaframma anticoncezionale non è monouso, ma può essere riutilizzato più volte, anche fino a due anni. L'importante è conservarlo in maniera adeguato, lontano da fonti di luce e di calore. Come tutti i metodi contraccettivi, anche il diaframma porta con sé vantaggi e svantaggi.

Tra gli effetti collaterali ricordiamo il fatto che questo sistema non protegge da malattie a trasmissione sessuale e può anche causare irritazione vaginale, in particolare in donne che dimostrano un'ipersensibilità allo spermicida. Può anche provocare infezione alla vescica. Il suo utilizzo può causare infezioni al tratto urinario, dolore durante la minzione, cistiti, sindrome da shock tossico.

Inoltre lo spermicida può essere difficile da reperire, anzi, in Italia è praticamente impossibile e questo aumenta molto i costi di un anticoncezionale di per sè molto caro. Tendenzialmente il diaframma non ha un prezzo inferiore ai 40 euro (ma essendo multiuso si ammortizza con il tempo), mentre gel e affini intorno ai 14 euro. Ricordatevi anche che per utilizzare correttamente il diaframma e per scegliere quello giusto dovrete per forza rivolgervi ad un ginecologo, che vi spiegherà come fare e vi indicherà il modello migliore per le vostre esigenze.

Via | Contraccezione femminile

  • shares
  • Mail