Quando fare ai bambini la prima visita oculistica

bambino con occhiali

La prima visita dei nostri bambini dall'oculista è davvero molto importante, per capire in tempo eventuali problemi legate alla vista. Ma quando bisogna far fare ai nostri cuccioli la prima visita oculistica? Qual è l'età giusta per prenotare? Tutto dipende dallo stato di salute del piccolo.

Se, infatti, alla nascita non sono stati riscontrati particolari problemi e se il pediatra non sospetta possibili problemi alla vista, la prima visita oculistica del bambino va fatta a un anno, per poi ripetersi quando il piccolo ha raggiunto i 3 anni, i 4 anni e i 6 anni. Successivamente, e in base a quello che vi dirà il medico oculista, l'intervallo di tempo tra i vari controlli è di 1 o 2 anni.

In realtà gli occhi dei nostri bambini vengono controllati solitamente appena nati, dal neonatologo che controlla che non ci siano eventuali problemi, patologie e malformazioni. Solo in questo caso vi consiglierà un consulto prima del compimento del primo anno di vita.

La visita agli occhi del bambino è molto importante, perché una diagnosi precoce di ogni disturbo rende più facile la riabilitazione visiva. Prima si interviene in caso di malattie e problemi, meglio è. La visita oculistica riservata ai bambini non si discosta molto da quella dei grandi: ad un anno viene sottoposto a verifiche per controllare che non ci siano anomalie anatomiche o alterazione della motilità oculare. Verrà valutato in particolare il movimento coordinato e sincrono dei bulbi oculari.

Solitamente questo primo esame viene effettuato direttamente dal pediatra, che controlla gli occhi dei piccoli con una luce polarizzata. Il medico controllerà anche con altri sistemi la vista del bambino: controllerà, ad esempio, la presenza di deficit visivi, bloccando temporaneamente la capacità di mettere a fuoco e di dilatare la pupilla, anche attraverso l'uso di colliri specifici. Molto importante anche l'esame del fondo oculare, per capire se il nervo ottico, i vasi retinici e la retina sono sani o hanno delle malformazioni.

Via | Ospedale Bambino Gesù

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail