Siamo ancora in tema di meravigliose canzoni natalizie da insegnare e cantare con i piccoli di casa. Abbiamo già visto insieme il capolavoro musicale di John Lennon dal titolo So this is Chistmas, una canzone emblema del Natale e della pace. Ora passiamo ad un’altra canzone iconica delle festività natalizie White Christmas scritta da Irving Berlin, composta nel lontano 1942.

Questo brano musicale si ispira ad un grande classico del repertorio delle feste, ovvero White Christmases. Di “White Christmas” sono state create negli anni tantissime versioni, cantate da diversi interpreti come per esempio la ex amici Alessandra Amoroso e la pop star di fama internazionale Michael Buble, e una portabandiera della festività cristiana per antonomasia, il famosissimo arrangiamento “Bianco Natale”. Ecco il testo e la traduzione di questa stupenda canzone per il Natale 2012.

Testo di White Christmas (in lingua originale)

I’m dreaming of a white Christmas
Just like the ones I used to know
Where the treetops glisten
And children listen
To hear sleigh bells in the snow.

I’m dreaming of a white Christmas
With every Christmas card I write
May your days be merry and bright
And may all your Christmases be white.

I’m dreaming of a white Christmas
With every Christmas card I write
May your days be merry and bright
And may all your Christmases be white.

Traduzione di White Christmas

Sto sognando un Bianco Natale
proprio come quello che io ricordo
con le cime degli alberi scintillanti
e i bambini che restano in attesa
di udire il suono dei campanelli della slitta che corre sulla neve

Sto sognando un Bianco Natale
in cui ogni cartolina natalizia che io scrivo
possa rendere le tue giornate felici e radiose
e possa far sì che tutti i tuoi Natale siano immacolati

Sto sognando un Bianco Natale
in cui ogni cartolina natalizia che io scrivo
possa rendere le tue giornate felici e radiose
e possa far sì che tutti i tuoi Natale siano immacolati.

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Papà Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

la quinta malattia