A che età iniziare l'equitazione per bambini e quali sono le controindicazioni

equitazione bambini

L'equitazione è un bellissimo sport, adatto anche ai bambini. Il rapporto tra il piccolo e l'animale, infatti, può diventare molto importante per far crescere il bambino: consigliatissimo in caso di timidezza estrema o per chi è figlio unico, recentemente anche in Italia il cavallo è stato introdotto in importanti trattamenti di pet therapy, per consentire ai piccoli malati di guarire meglio e più in fretta.

Come per tutti gli sport, anche nel caso dell'equitazione, il genitore dovrà informarsi bene, per capire quando è bene far cominciare il proprio piccoli e in quali casi è controindicato. Sicuramente i bambini devono potersi relazionare con gli animali sin dalla più tenera età, per questo consiglio visite ai managgi, con piccoli giri sui pony se il bambino mostra interessa.

Vediamo, allora, tutte le informazioni necessarie per far praticare questo sport ai bambini.

L'età adatta per cominciare a prendere lezioni di equitazione va dai sei agli otto anni. L'inserimento deve essere graduale. Il bambino non imparerà solamente ad andare a cavallo, ma anche a prendersi cura del suo compagno, strigliandogli il pelo, dandogli da mangiare e instaurando con lui un rapporto profondo. Sarà anche un modo per disciplinare meglio i ragazzi, con regole ferree da seguire.

Ovviamente l'equitazione è sconsigliata ai bambini troppo piccoli, che potremo far avvicinare in altri modi al mondo equestre. In generale, poi, questo sport è sconsigliato a chi soffre di malattie della colonna vertebrale (a tutti gli altri non può che far bene, per una corretta postura), a chi soffre di ernia del disco e chi è affetto da alcune particolari cardiopatie. Meglio chiedere sempre al pediatra se è il caso o meno di intraprendere questa o altre attività sportive: lui conosce bene il bambino e saprà consigliarci al meglio!

Via | Animali d'affezione

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail