Giochi e figurine per bambini: il parere di un edicolante

Uno dei gormitiBazzicavo come al solito nella mia edicola preferita a caccia di adesivi colorati per la mia piccola peste che ha 4 anni. Come ho detto più volte, le edicole sono sempre la mia salvezza perché ci trovo libri, album da colorare e gadget per mia figlia o da utilizzare come regali per i compleanni dei suoi amichetti.

Mentre chiedevo informazioni sulle bustine con dentro cuccioli di animali, l'edicolante mi dice: "Ma tutta questa roba, poi, a che serve? Pensaci bene: quanto dura dopo che l'hai comprata? Che fine fanno incarti, bustine di plastica, schede di plastica, pupazzetti, figurine rigide e via dicendo? Inquinano e basta".

Non ci avevo mai pensato, ma è la verità. Quando noi eravamo piccoli, completavamo tutto l'album delle figurine, anche perché trascorreva un tempo ragionevole tra l'uscita di un personaggio e l'altro. Oggi, l'attenzione che sembrava essere catalizzata dall'Ape Maia, svanisce in una settimana a favore dei Barbapapà e in tre giorni per le Winx.

Bustine, cuccioli e casette dei cuccioli, gormiti, entro poco tempo giaceranno in un cassetto o in un angolo della camera, verranno persi per strada, lasciati al parco. Così mi sono chiesta: ma io perché le compro queste cose? Risposta: è più facile cedere che lottare per i seguenti (o precedenti) tre quarti d'ora.

Ad ogni modo, visto che il commento dell'edicolante non faceva una piega, e che cerco anche io di inquinare meno, alla successiva richiesta di mia figlia ho risposto, con tono molto tranquillo: E' inutile che ti compro i cuccioli, tanto poi non ci giochi. Non ha fatto una piega neanche lei.

Segno, per me, che spesso le cattive abitudini nascono dalla stanchezza o dalla pigrizia di noi genitori. Certo, spero che a questo punto il proprietario dell'edicola non si stia mordendo le mani, visto che ero un'ottima cliente.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: