Cos'è il meconio del neonato e qual è il decorso naturale


Il meconio è il termine specifico per indicare le prime feci del neonato. Sono di un colore abbastanza scuro (tra il nero e il verdastro), non hanno odore e hanno una consistenza vischiosa e liquida. Molte mamme davanti al primo pannolino si spaventano, in realtà è tutto assolutamente normale. Il bimbo, infatti, deve eliminare quello che ha ingerito dentro la pancia della mamma, tra cui liquido amniotico, urina o residui cellulari.

Quanto dura il decorso di espulsione? In linea di massima inizia circa 12 ore dopo il parto e dura massimo tre giorni. Alla fine della prima settimana di vita, le feci del neonato allattato al seno dovrebbero essere di colore giallastro (a volte anche verdi), avere un aspetto grumoso e un odore forte e acido. Se il bimbo, invece, prende del latte artificiale avrà una cacca più scura.

Se il piccolo non riesce a eliminare il meconio entro tre giorni, si parla di ileo da meconio, ovvero una sindrome occlusiva dell’intestino del neonato che rappresenta il primo segno di fibrosi cistica. Ci sono casi, in cui il bimbo elimina questi residui durante il parto o poco prima di nascere. È un segno di sofferenza fetale ed è tipica di quei piccoli che nascono oltre la 42esima settimana.

Quest’ultima situazione può essere abbastanza complessa, perché il meconio eliminato ancora dentro la pancia della mamma si può disperdere nel liquido amniotico. Cosa succede? Il bambino rischia di aspirarlo e di accumularlo nelle vie respiratorie (polmoni) provocando la Sindrome da aspirazione da meconio. Il medico, quindi, deve aspirare questa sostanza dalla bocca o dal naso durante il parto con uno strumento apposito per evitare qualsiasi complicazione.

Via| My Personal Trainer
Foto| Flickr

  • shares
  • Mail