Iperglicemia in gravidanza: la dieta da seguire e i sintomi da riconoscere

iperglicemia in gravidanza

L'iperglicemia in gravidanza può causare alcuni disturbi nelle donne in dolce attesa che sviluppano il diabete nei nove mesi di gestazione. Il diabete, chiamato anche mellito gestazionale o semplicemente gestazionale, è quello che colpisce per la prima volta le donne proprio durante i mesi della gravidanza e vede tra i suoi sintomi principali proprio l'iperglicemia. Come per la normale patologia, l'organismo non produce abbastanza insulina oppure le cellule non la usano come dovrebbero, così il glucosio si accumula nel sangue e la glicemia diventa più alta. A differenza dell'ipoglicemia in gravidanza, l'iperglicemia può essere pericolosa.

L'iperglicemia non si manifesta solitamente con sintomi tanto evidenti, ma si potrebbero notare alcune piccole variazioni a condizioni che normalmente non si manifestano in questo modo. Andiamo a vedere quali sono e come riconoscere questi piccoli sintomi.

In caso di iperglicemia, la donna in dolce attesa potrebbe trovarsi di fronte ad un aumento della sete e della quantità di urina prodotta, ad una perdita di peso con un aumento della fame, a nausea e vomito, a infezioni frequenti e anche disturbi della vista. I valori vengono rilevati tramite normali esami, che solitamente si fanno tra la 24esima e la 28esima settimana, ma il dottore potrebbe richiedere in alcuni casi di farle prima del tempo dovuto.

L'iperglicemia nella maggior parte dei casi non viene trasmessa dalla mamma al neonato, soprattutto se la futura mamma tiene sotto controllo i valori, fa attività fisica, mantiene il suo peso e segue una dieta sana. Dobbiamo ricordare però che il diabete, di cui l'iperglicemia è uno dei sintomi, può causare nel feto macrosomia, ipoglicemia, sclera, sindrome di stress respiratorio, livelli insufficienti di minerali nel sangue.

Tenere sotto controllo la dieta è molto importante: il vostro medico potrebbe consigliarvi, ad esempio, di limitare moltissimo i carboidrati, mantenendo il peso forma e limitando così il contenuto calorico e la quantità dei cibi. Meglio assumere tante fibre, con verdure e legumi, evitando alimenti e bevande zuccherate. Ricordatevi di bere tanta acqua.

Via | Farmaco e cura

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail