Ipermetropia nei bambini: si guarisce?

L'ipermetropia nei bambini è fisiologica, nel senso che alla nascita è sempre presente e poi crescendo scompare. Non sempre però, il difetto sparisce e il bambino vede in modo sfocato sia da vicino, sia da lontano. La giovane età permette al bambino di sforzare la muscolatura dell'occhio, "accomodando" la visione degli oggetti lontani, quindi vede male solo gli oggetti vicini.

Accorgersi della presenza dell'ipermetromia non è semplice e proprio per questo i pediatri consigliano di portare il bambino dall'oculista a 3-4 anni al massimo, senza aspettare l'età scolare.

Quando l'oculista diagnostica l'ipermetropia, subito ci chiediamo "ma si guarisce?"

In questo caso la risposta è no, però una diagnosi precoce permette, in alcuni casi, qualche miglioramento e soprattutto di evitare la comparsa di strabismi (anche minimi) o dell'ambliopia (occhio pigro).

L'ipermetropia si cura portando gli occhiali, però spesso farli accettare al bambino è più facile di quanto siamo portati a credere: prima di tutto, esistono modelli davvero accattivanti e poi il fatto di vedere bene spingerà il bambino stesso a volerli indossare.

L'eventuale intervento chirurgico va valutato attentamente con l'oculista.

Via | oculistica.info

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail