Abbiamo parlato più volte di quanto sia importante allattare al seno sia da un punto di vista nutrizionale che per quello che riguarda l’instaurazione di un legame affettivo tra madre e figlio. Tuttavia, non sempre è possibile e talvolta è davvero necessario ricorrere al latte artificiale.

In questi casi, gli esperti consigliano di privilegiare latti formulati che riproducano gli effetti funzionali del latte materno a breve e lungo termine per evitare anche la carenza di ferro. Lo ha sostenuto di recente Giacomo Biasucci, del Dipartimento Ospedaliero Materno-Infantile U.O.C di Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza, in occasione del Convegno Internazionale di Nutrizione Pratica, Nutrimi, ribadendo l’importanza di un’alimentazione ricca di ferro nei bambini.

Esiste una forte correlazione, si legge in una nota del congresso, tra un’assunzione adeguata di ferro e lo sviluppo fisico ed intellettivo nei bambini durante i primi mesi di vita, quando il sistema nervoso è ancora in fase di accrescimento. Scientificamente è dimostrata una minore capacità di concentrazione ed apprendimento in bambini con carenza di ferro. I disturbi causati dall’insufficienza di ferro, prosegue il comunicato, possono essere risolti grazie a un’adeguata integrazione di questo minerale nell’alimentazione quotidiana.

“Ecco perché – sostiene Biasucci – è fondamentale proibire il latte vaccino, almeno fino al primo anno di vita. La sua composizione risulta inadeguata ai fabbisogni nutrizionali dei bambini durante la fase dello svezzamento. Per esempio contiene troppe proteine, il cui eccesso può essere causa di obesità, ed è carente di ferro, importante per lo sviluppo del sistema nervoso”. Una particolare attenzione deve essere rivolta al periodo dello svezzamento, momento cruciale per la crescita del bambino, al quale si deve garantire un’alimentazione di alto livello nutrizionale.

Via | Nutrimi
Foto | Flickr

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Cronaca Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

Il vero robot di Gundam si muove