Come scegliere dove partorire

Di solito la scelta su dove partorire dipende essenzialmente dal ginecologo che vi segue, ma ci sono alcune domande importanti da porsi prima della scelta definitiva: ospedale, clinica, casa, in acqua? Ed è meglio che il posto sia il più vicino possibile a casa oppure poco importa, purché sia il migliore possibile? Ecco quali sono

di fritha

Di solito la scelta su dove partorire dipende essenzialmente dal ginecologo che vi segue, ma ci sono alcune domande importanti da porsi prima della scelta definitiva: ospedale, clinica, casa, in acqua? Ed è meglio che il posto sia il più vicino possibile a casa oppure poco importa, purché sia il migliore possibile? Ecco quali sono secondo Bebes le domande a cui rispondere prima di decidere, alcune ovvie altre meno, ma altrettanto importanti.

  • Il medico è disponibile tutti i giorni a tutte le ore? Il personale medico vi ispira fiducia?
  • Il luogo è facile da raggiungere o bisogna attraversare zone molto trafficate con il rischio di restare in fila per ore?
  • C’è la possibilità che rimanga qualche familiare in camera con voi in caso di necessità?
  • Il bambino può rimanere in camera o deve stare nella nursery?
  • Dispone di camere singole o solo in condivisione?
  • Offre corsi di preparazione al parto e assistenza post-partum o per l’allattamento?
  • È permesso assistere al parto a qualche familiare che voglia restarvi vicino?
  • Si accettano donazioni di cordone ombelicale?

Foto | Flickr