Primo Natale con un bebé: come evitare lo stress (2)

bimba che dorma

Abbiamo già parlato dell'emozione di vivere per la prima volta l'esperienza del Natale con un bimbo in casa e soprattutto di come evitare i pericoli che possono crearsi in questo periodo.

Ma c'è un altro rischio a cui noi genitori possiamo inconsapevolmente esporre i nostri figli: quello dello stress natalizio. Mi riferisco a quell'anomala onda di energie che ci spinge a massacrarci per cercare il regalo più originale e meno costoso, per addobbare al meglio la casa, preparare ricette supersofisticate, fare la mamma e nel contempo continuare anche a lavorare e a guidare in città supertrafficate. Chi non sarebbe stressato?

Non ci accorgiamo che questo stress si trasferisce pari pari ai nostri bimbi, nonostante i nostri sforzi di apparire sempre sorridenti e calmi. Ma i bambini avvertono l'ansia che ci attanaglia e ne risentono. Qualche precauzione, quindi, non guasta. Per i bimbi più piccoli, per esempio, è fondamentale mantenere il ritmo pappa-nanna. La confusione e l'emozione del loro primo Natale li rendono più inquieti e a volte nervosi o inappetenti. Ecco perchè è importante cercare di mantenere intatte il più possibile almeno qualche abitudine tanto più che spesso si passa da una casa all'altra per fare gli auguri ad amici e parenti.

Se i bimbi sono molto piccoli, poi, facciamoli avvicinare a Babbo Natale con una certa cautela per evitare che si spaventi. Anche i pupazzi che si muovono, cantano e suonano possono incutere timori e provocare crisi di pianto. Meglio puntare su giochi in cui il bimbo possa agire e causare da solo suoni e movimenti.

Sicuramente positivo, invece, è l'ascolto dei jingles natalizi: da quelli classici a quelli più nuovi, specie se hanno un ritmo tranquillo e cadenzato che possa essere per i nostri bimbi la colonna sonora del loro primo Natale.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail