Mamma, sono stressato

Bamnini stressatiE' incredibile come i nostri figli riescano ad assorbire ogni aspetto del quotidiano, parola, modo di dire, azioni, per loro tutto rappresenta il nuovo e per questo amano ripeterlo, soprattutto se il modello di riferimento è il genitore o gli adulti in generale.

La parola stress, stressato, è oramai diventata parte del nostro quotidiano, tutti noi siamo stressati almeno in un momento della giornata, e i piccolini ripetono esattamente la parola che spesso sentono pronunciare dalla loro mamma, papà, attribuendo lo stress al nervosismo o stanchezza.

Sentire dalla loro boccuccia di tre anni la famosa frase, mamma sono stressato, ci fa sorridere, perchè riteniamo che ansie e preoccupazioni non intacchino minimamente la sua sfera di crescita e che sia semplicemente ripetizione a pappagallo non veritiera.

In realtà anche il bimbo è frustrato, ovviamente il livello di frustrazione è alla sua portata e non eccede di pretese, ma se consideriamo che la frustrazione avviene quando gli ostacoli che dobbiamo superare ci appaiono insormontabili a causa di un impedimento esterno, è evidente che è un stato della vita senza limiti di età.

Pensate alla fatica che deve fare il bimbo quando impara ad allacciarsi le scarpe, o quando affronta il terribile wc, o ancora quando deve imparare a camminare, le miriadi di volte che cade si rialza e riparte, credete veramente che questa caparbietà nel voler crescere e affrontare gli ostacoli non sia fonte di stress?

E' ovvio, gli ostacoli che incontriamo sono sempre alla nostra portata, ci sono impedimenti come la coda in tangenziale che per la miseria ci fa arrivare in ritardo, mentre per il bimbo si limitano a un oggetto riposto troppo in alto, mamma non ci arrivo.

Non ridiamo troppo della manifestazione di stress del bambino, non prendiamolo nemmeno troppo seriamente, è diverso del nostro ma se proviamo a pensarci non hanno tutti i torti, crescere è proprio difficile.

  • shares
  • Mail