Bambini violenti, una dimostrazione di disagio

Bart SimpsonI primi segnali d'allarme arrivano dall'asilo, ricordo un amico che considerava il comportamento del figlio all'asilo normale, mordeva ripetutamente gli altri bambini, le maestre allarmate non sapevano più come gestire la situazione e la mamma si rifiutava di ascoltare il chiaro segnale del bimbo.

Quando un bambino di quattro anni manifesta comportamenti violenti in società è evidente che cerca di comunicare un disagio, una problematica forte, non necessariamente legata all'iperattività.

La rabbia normale, che comunque fa parte della nostra natura, viene manifestata dal bimbo già nella prima infanzia, crescendo capita che la sua contrarietà appaia perchè non vuole fare il bagnetto o perchè dimostra gelosia e aggressività nei confronti del fratello, ma è il genitore che educa e insegna.

Un normale spintone o morso all'asilo non è un dramma, è la reazione tipica a un invasione esagerata; mi dai una spinta e io ti restituisco un calcio, non in questi termini ma anche noi adulti reagiamo spesso così, quando però la reazione è costante e ripetitiva allora è bene iniziare ad analizzare la situazione.

Il primo problema riscontrato da diversi psicologi è che questa società premia il comportamento violento mentre il genitore dovrebbe insegnare a dominare l'aggressività, utili sono le regole semplici e comprensibili, lo sculaccione senza motivazione spaventa ma non serve a spiegare l'errore.

Importante è la comunicazione all'interno della famiglia, inoltre non bisticciare davanti a un bambino è una regola interessante da seguire, fin dall' infanzia infatti i bambini sanno distinguere la differenza tra una normale conversazione e una lite, evitare di mancare di rispetto anche con l'uso delle sole parole è un'altra regola base.

Oltre alle tensioni in famiglia un'altra causa specificata è la televisione e i video games, non è un mistero che programmi violenti accrescono la rabbia e l'aggressività dei più piccoli, controllare costantemente cosa guardano aiuta sicuramente.

Una soluzione potrebbe essere lo sport, la violenza e l'iperattività vengono sfogate e l'apprendimento di regole e metodi aiutano l'educazione.

E' quasi Natale, anche la scelta dei giocattoli è importante, il gioco è la prima forma di crescita, aiutiamoli a scoprire il più tardi possibile le realtà buie di questo tempo.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: