Yotaro, un bebè robot per aumentare la natalità in Giappone

yotaroNon è una vera novità: negli Stati Uniti molti ospedali e centri ospedalieri per la maternità con corsi di preparazione al parto forniscono ad aspiranti mamme e papà dei bambolotti interattivi per fare un po’ di pratica prima di avere a che fare col bebè in carne ed ossa.

Il Giappone però è andato oltre, complice la nota passione nipponica per i robot: per incrementare le nascite di un paese con una delle più alte aspettative di vita e una popolazione troppo vecchia si sono inventati Yotaro, un baby robot per coppie che lavorano e che vogliono sperimentare l’essere genitori prima di fare il grande passo.

Il bambolotto ha un viso dotato di espressioni facciali collegate ad un computer perché siano il più possibile aderenti a quelle umane. Piange, si lamenta, sorride, dorme, gattona, si tranquillizza con una ninna nanna e fa tutto – o quasi – quel che fa un bebè.

Chi ha creato Yotaro è convinto che a contatto con le gioie dell’essere genitori, anche solo virtuali, i giapponesi non resisteranno alla voglia di avere un figlio vero. Ne dubitiamo un po’, ma staremo a vedere se funzionerà.

  • shares
  • Mail