Imparare a studiare per crescere

Imparare a studiareLa scuola è il primo ingresso nella società, fino a sei anni ai bambini non viene chiesto nulla se non crescere e amare, l'apprendimento c'è, è evidente, ma non è pretesa una valutazione e soprattutto non vi è alcun confronto.

L'apprendimento non è un arte innata, saper imparare, ricordare e memorizzare sono elementi che si acquisiscono crescendo, il dramma inizia a scuola dove il genitore ritiene il compito dell'insegnamento un' esclusiva della maestra e la maestra è convinta che a casa ci sia qualcuno che aiuti e segui il bambino.

Al centro, il bimbo, che, infischiandosene degli adulti, cresce e assimila tutto ciò che vede e sente, l' apprendimento è pura sopravvivenza e il processo avviene in entrambi i luoghi, la maestra insegna argomenti nuovi ma riuscire a trasmettere buone capacità di studio è un compito che viene insegnato a scuola e perseverato a casa.

I genitori dovrebbero seguire, ricordare e aiutare, perchè imparare a studiare non è una faccenda così semplice e non tutto quello che si studia risulta divertente e di facile apprendimento, è importante non sminuire il bambino perchè sentirsi inadatto è una frustrazione enorme che a soli sei anni difficilmente si regge.

Esistono alcune piccole regole per aiutare a insegnare lo studio ai più piccoli, regole che se imparate bene diventeranno proprie del bambino, molti bambini vengono scambiati per pigri quando spesso è solo il metodo di studio a non essere adatto.

E' indispensabile impostare un tempo di studio a casa ogni giorno, terminato il quale è d'obbligo il meritato gioco, abituare il bambino a fare la cartella ogni sera, controllare che ci sia tutto e che i compiti per il giorno dopo siano tutti eseguiti, chiedere l'aiuto delle maestre nel caso il bimbo sia particolarmente distratto, sono addetti ai lavori che sanno fare bene il loro mestiere, anche se il cuore di mamma iperprotettivo vorrebbe criticarle ad ogni richiamo.

Sarebbe buona regola aiutare il bimbo a crearsi un metodo di studio, fatto di elenchi, grafici, disegni per memorizzare, piccoli stratagemmi che lo aiuteranno fino alla maturità e oltre, la memoria va aiutata a crescere esattamente come il bambino, non confondiamo la pigrizia con la poca capacità di apprendimento, sarebbe un torto nei confronti di nostro figlio.

  • shares
  • Mail