Il Ministero della Salute ha dettato per la prima volta delle regole per le mense scolastiche valide in tutta Italia: una sola porzione per ogni piatto, posate adeguate all’età dei bambini (ad esempio mestoli che racchiudano l’esatta quantità di pasta per un bambino di 7, 10 o 12 anni), niente menù differenziati a seconda della cultura di origine (eccezion fatta per le regole religiose relative alla carne di maiale).

L’obiettivo è ridurre le calorie ingerite dai bambini, aiutarli ad aumentare la varietà dei cibi e degli snack e spuntini a base di frutta. Molto importante mi sembra poi la proposta di mettere sempre a portata di bambino una riserva d’acqua, in modo che possa servirsene mentre corre in giardino, durante la ricreazione o le varie attività. Mi chiedo: qualcuno ha pensato che prima di tutto, però, bisognerebbe sensibilizzare in merito i genitori? Magari fornendo la foto di ciò che dovrebbe sostituire, nel carrello della spesa, le bibite gassate, le merendine e i cibi precotti e iper calorici?

Via | Corriere
Foto | Flickr

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più

Il vero robot di Gundam si muove

Altro su Cronaca Leggi tutto