Quanti cesarei sono ammessi in un anno? Giochiamo al toto parto.

Neo mamma in ospedaleSentiamo parlare continuamente del numero eccessivo di cesarei che si praticano in Italia. L'abuso di questa tecnica sarebbe dovuto, a seconda di chi commenta la notizia, ai medici che vogliono correre meno rischi, alle donne che non sanno partorire, alla paura instillata nella futura mamma durante la gravidanza e così via.

Ora, chi stabilisce la percentuale massima di cesarei ammessi e quindi segnala che noi italiani ne abusiamo un po' troppo? E' l'OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità, che nel 1985 aveva dichiarato che i cesarei non devono superare il 15% dei parti totali. In Italia saremmo arrivati ormai al 40%.

In realtà, come ci informa il blog Diritto all'epidurale negato, tutti citano un dato ormai superato. Pare infatti che nel 2009 l'OMS abbia rettificato le sue linee guida sul parto, sostenendo, finalmente, che non esiste nessuna percentuale giusta. In effetti, sarebbe più corretto assicurarsi che i medici scelgano, insieme alla paziente, il tipo di parto più adatto a lei.

Altrimenti si verificano episodi che hanno dell'incredibile: donne costrette ad un travaglio di ventisei ore perché da sempre si partorisce così, donne che decidono di fare un cesareo per organizzarsi gli impegni di lavoro e che vengono assecondate nelle loro richieste.

Insomma, se ci fosse una maggiore comunicazione tra medico e paziente, se l'attenzione fosse rivolta non ad un'astratta "gravidanza", ma ad una futura mamma, una persona, non ci sarebbe bisogno di stabilire nessun limite o di fare crociate che, come spesso accade con le prese di posizione radicali, rischiano di travolgere le persone più deboli.

Lo dico da donna che ha scelto consapevolmente un cesareo per via degli attacchi di panico di cui soffrivo: se dall'inizio della gravidanza si fossero interessati a me come persona, quasi sicuramente, accompagnata, seguita e sostenuta, avrei potuto partorire in modo naturale. Mentre la mia amica, costretta ad un travaglio naturale senza sostegno e durato più di ventisei ore, con un cesareo non sarebbe andata in panico e avrebbe pensato ad una seconda gravidanza.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail