Liti tra fratelli, la competizione

Qui Quo QuaI ricordi legati a mio fratello comprendono una serie incredibile di litigate, per le più grandi stupidaggini, da parte mia ricordo perfettamente che mi hanno sempre etichettato come l'eterna gelosa per il nuovo fratellino arrivato, leggendo e studiando ho scoperto, poi, che la cosa è naturale e si tratta di comune competizione.

Sembra che tutti i fratelli e sorelle della terra, in misure ovviamente differenti, si contendano l'amore di mamma e papà, scatenandosi in odi incondizionati che per fortuna passano e si risolvono in brevissimo tempo, i bambini non sono vendicativi, il fratello maggiore, è il mio caso, sente maggiormente l'arrivo del secondo figlio come un'intrusione nella sua isola felice dove fino a pochi giorni prima era il re assoluto e indiscusso, inoltre gli adulti tendono a responsabilizzare il fratellino più grande, motivo non di poco conto per arrabbiarsi.

In sintesi scoppia una feroce gelosia, ricordo perfettamente che quando è nato mio fratello mio papà mi ha portata in gita premio a Venezia per non farmi sentire trascurata e per rassicurarmi dell'amore che entrambi provavano per me.

I tanti tentativi di bilanciare e sfumare la gelosia da parte dei miei genitori hanno portato a delle liti ben distribuite da entrambe le parti, io ero più grande e prepotente ma anche il fratellino non scherzava, sono sempre i genitori che limitano le aggressioni durante le liti, alcune bisogna lasciarle gestire dai bambini stessi, e loro è sempre il compito di rassicurare, fratello e sorella sono la famiglia e una volta cresciuti rappresentano un aiuto certo e incondizionato.

  • shares
  • Mail