Le poesie di Pasqua più famose da insegnare ai bambini

Ecco le poesie di Pasqua più belle da insegnare ai bambini nel periodo pasquale, così da fare in modo che anche loro siano attivamente partecipi.

realizzare-albero-di-pasqua.jpg

Pasqua è una festa molto importante e i bambini di solito sono davvero felici di partecipare attivamente a questo evento. Il modo migliore, oltre a realizzare qualche lavoretto, è quello di imparare a memoria una poesia e magari recitarla proprio domenica, durante il pranzo con tutta la famiglia. Ecco quindi una selezione delle poesie di Pasqua più famose da insegnare ai nostri piccoli.

Le poesie sono anche un modo per imparare la storia cristiana ed ebraica. Leggerle insieme può aiutare i bambini a comprendere il grande mistero della religione.

Pasqua di Guido Gozzano

A festoni la grigia parietaria
come una bimba gracile s'affaccia
ai muri della casa centenaria.

Il ciel di pioggia è tutto una minaccia
sul bosco triste, ché lo intrica il rovo
spietatamente, con tenaci braccia.

Quand'ecco dai pollai sereno e nuovo
il richiamo di Pasqua empie la terra
con l'antica pia favola dell'ovo.

L’ulivo Benedetto di Giovanni Pascoli

Oh, i bei rami d’ulivo! chi ne vuole?
Son benedetti, li ha baciati il sole.
In queste foglioline tenerelle
vi sono scritte tante cose belle.
Sull’uscio, alla finestra, accanto al letto
metteteci l’ulivo benedetto!
Come la luce e le stelle serene:
un po’ di pace ci fa tanto bene

Gesù di Giovanni Pascoli

E Gesù rivedeva, oltre il Giordano,
campagne sotto il mietitor rimorte,
il suo giorno non molto era lontano.
E stettero le donne in sulle porte
delle case, dicendo: Ave, Profeta!
Egli pensava al giorno di sua morte.
Egli si assise, all’ombra d’una mèta
di grano, e disse: Se non è chi celi
sotterra il seme, non sarà chi mieta.
Egli parlava di granai ne’ Cieli:
e voi, fanciulli, intorno lui correste
con nelle teste brune aridi steli.
Egli stringeva al seno quelle teste
brune; e Cefa parlò: Se costì siedi,
temo per l’inconsutile tua veste;
Egli abbracciava i suoi piccoli eredi:
-Il figlio Giuda bisbigliò veloce-
d’un ladro, o Rabbi, t’è costì tra ‘piedi:
Barabba ha nome il padre suo, che in croce
morirà.- Ma il Profeta, alzando gli occhi
-No-, mormorò con l’ombra nella voce
e prese il bimbo sopra i suoi ginocchi.

Dall'uovo di Pasqua di Gianni Rodari

Dall'uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: "Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio".
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
"Viva la pace,
abbasso la guerra".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail