Pentiti di aver voluto dei figli?

Nel 2008 la Bompiani ha tradotto il libro di Corinne Maier, No Kid - Quaranta ragioni per non avere figli. Ammetto di non averlo letto: ne ho solo trovato traccia, in questi giorni, in alcune pagine web che ho visitato. Non ho idea perciò se la Maier sia ironica o se consideri sinceramente valide argomentazioni come:

Il parto è una tortura; Diventerete dispensatrici ambulanti di cibo; Lotterete per continuare a divertirvi; Perderete i contatti con gli amici; Dovrete imparare un linguaggio da veri idioti per riuscire a comunicare con i vostri figli; I figli uccideranno il vostro desiderio; I figli suonano la campana a morto della vostra vita di coppia .

Altre tredici le trovate in questa pagina del Corriere e quasi tutte le difficoltà elencate sono temporanee. Forse l'unica che oggi ci preoccupa davvero è che le risorse economiche scarseggiano e le famiglie sono sempre più sole. Torniamo, però, a noi e alla nostra esperienza personale. Voi lettori di Bebeblog siete pentiti di aver avuto dei bambini? E' come immaginavate che fosse o avete dovuto ridimensionare le vostre idee sulla paternità e maternità.

Io, destando un po' di stupore, non riesco a dire frasi del tipo "da quando c'è lei non ricordo più come fosse la vita senza bambini". Perché io me la ricordo. Eccome. Questo, però, non ha niente a che fare con l'amore che provo per mia figlia e con quei momenti di gioia improvvisa che riescono anche a fare breccia nella brontolona che cova dentro di me.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: