Figli unici e la scoperta dei bambini

bambini

I figli unici assoluti o momentanei, quindi ancora senza fratelli, crescono con l'assoluta certezza di essere i soli bambini della terra, i soli a cui mamma e papà prestano attenzione e, a meno che il vicinato non sia popolato da innocenti creature, la convinzione rischia di restare per diversi mesi, poi tutto d'un tratto i nanetti si accorgono di non essere soli.

C'è chi affronta la cosa con estremo entusiasmo “Yheaa altri piccoli nani con cui giocare”; chi con sospetto e circospezione “ Oh porcaccia la miseriaccia non sono l'unico, mi ruberanno i giochi o sarà interessante fare la loro conoscenza?”; e chi con gelosia estrema soprattutto se mamma dimostra interesse nei confronti dei nuovi arrivati “ E che vuole questo nanetto? Io sono l'unico nanetto che mamma può accarezzare. Via usurpatore, via!”

Mia figlia scruta, con estrema serietà e senza mai regalare un sorriso, osserva ogni novità le si pari di fronte, se poi la novità è alta meno di un metro lo sguardo indagatore acquista notevole intensità, credo non abbia ancora deciso se classificare gli altri bambini innocui e degni di interesse, per il momento si limita ad osservare, non li sopporta solo quando urlano.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: