Microclima nella stanza del bambino: il giusto equilibrio

stanza bimbo

Il freddo è arrivato e nelle case abbiamo acceso i riscaldamenti per tenere al caldo i nostri piccoli. Attenzione, però, a non esagerare cercando il giusto equilibrio tra temperatura, aerazione e umidità soprattutto nella stanza del bambino.

L’ambiente non dovrebbe essere caldo-umido poiché questa condizione favorirebbe la crescita di agenti patogeni. Anche la temperatura è importante: per favorire una buona respirazione nelle ore notturne, dovrebbe essere mantenuta bassa, intorno ai 18-19 gradi.

Importante anche che il lettino e la culla non siano posizionati nelle vicinanze di termosifoni o altre fonti di calore. Evitiamo, se possibile, l’uso di umidificatori all’interno di queste stanze. Io quando l’aria è troppo secca ricorro a dei contenitori d’acqua con essenze naturali come timo, melissa ed eucalipto o ai classici umidificatori per caloriferi.

L’areazione della stanza va curata particolarmente per evitare che si crei aria viziata. Se le dimensioni di finestre o balconi sono ridotte, si può ricorrere anche ad un rigeneratore d’aria. Questi apparecchi, che possono essere utilizzati in qualunque ambiente compreso l’ufficio, sono particolarmente adatti alla stanza del bambino proprio perché filtrano, deodorano e ionizzano l’aria liberandola dai batteri e rendendola più sana.

  • shares
  • Mail