Il brindisi di buon augurio con i piccini

bimba che brinda Per molti di noi questo sarà il primo San Silvestro e Capodanno da genitori. Un motivo in più per festeggiare con gioia l'anno che ci lascia e salutare con entusiasmo l'anno nuovo in cui i nostri pargoletti spegneranno la loro prima candelina.

Se il Natale è decisamente la festa dei bambini, non è proprio lo stesso per i festeggiamenti del 31 dicembre, in genere più goderecci e caotici. Si mangia a più non posso, si indossa qualcosa di rosso, magari si balla e soprattutto si brinda con il sottofondo di musica e botti.

Come coinvolgere anche i nostri piccolini? Io vestirò il mio bambino di rosso come del resto ho fatto anche a Natale, ma mi piacerebbe fare qualcoa di più. Il brindisi, per esempio! Sì, mi rendo conto che non è sano far bere ad un bimbo di appena dieci mesi dello spumante, però....sarebbe bello anche solo mimare un cin cin con questi angioletti volati sul nostro cuore proprio in questo 2008 così buio per molti altri aspetti.

Leggendo qua e là, ho trovato un piccolo incoraggiamento. Il pluristellato chef Gualtiero Marchesi in un'intevista a Donna Moderna illustra il suo punto di vista sull'educazione del gusto dei bambini.

Nell'intervista, Gualtiero Marchesi sottolinea l'importanza di variare nella preparazione delle pappe cercando di presentare anche i cibi meno graditi, come generalmente accade per le verdure, in modo spiritoso. Per esempio, invece del riso spalmato sul piatto perchè non presentare lo stesso alimento creando nel piatto una piramide di riso, magari nero e con i gamberetti per fargli mangiare anche del pesce?

Lo chef si sprime anche sul brindisi di fine anno. Secondo Marchesi, i sapori sono fondamentali e ciò vale per i cibi come per le bevande. Per questo, ha realizzato un bicchiere dorato che contiene la quantità di un ditale di spumante in modo da far brindare insieme ai grandi anche i più piccini.

Ora mio figlio ha soltanto dieci mesi e non mi sembra il caso di fargli bere spumante, ma avesse già due o tre anni, gli lo farei assagiare. A me, domani notte, basterà bagnargli il lobo delle orecchie con un po' di spumante per farlo partecipare al brindisi di fine anno: un piccolo gesto di buon augurio che potrò fare anche se a quell'ora dorme già.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail