Inserimento asilo nido, la mia esperienza

bambini

Mi avevano detto per un paio di settimane, tre se c'è né bisogno, dovrà essere presente, l'inserimento all'asilo nido non è una passeggiata la presenza di mamma aiuta a rendere il distacco meno traumatico.

E così io da brava mamma imperfetta ho preparato la nanetta al supposto trauma parlandole del nido come un ingresso in società, e presentandomi all'appuntamento armata di pazienza e forza di volontà. E invece... niente, niente nel senso che la mia angelica bambina non mi ha degnata di mezzo sguardo dall'ingresso all'asilo nido fino al momento di tornare a casa. Niente.

Una volta arrivata si è fatta prendere in braccio dalla maestra, senza fiatare, e si è seduta circondata da bambini incuriositi dalla nuova arrivata, per giocare. Non un ba, un ma, un ueh, anzi mezzi sorrisi e tanti discorsi, oltre a rubare da subito i giochi agli altri.

A dirla tutta la mamma, ovvero chi scrive, non si è sentita trascurata, ma sollevata, tre settimane da passare all'asilo nido mi si prospettavano come una delle prove più difficili della mia vita, e invece, tutto è bene ciò che finisce bene, l'inserimento si è ridotto a cinque giorni, e tanti saluti al distacco.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: