Pannolini: come risparmiare salvando anche la pelle dei bebè e l'ambiente

Quattro associazioni di consumatori – l’Adusbef, la Federconsumatori, il Codacons e l’Adoc – hanno calcolato i costi di un bambino nel primo anno di vita. Siamo a cifre pazzesche: si va da 4.600 fino a 12.000 euro.

Un conto che, fra abbigliamento, accessori vari, farmaci, visite pediatriche, prodotti di prima necessità, si propone come il più caro d’Europa. Basti pensare ai pannolini che negli altri paesi della comunità hanno prezzi rispetto all’Italia inferiori del 40%, gli omogeneizzati e le creme di cereali, dal 35 al 60% in meno.

Questo caro vita sta spingendo molti genitori a trovare soluzioni alternative. In Internet, per esempio, si possono trovare forum in cui i genitori si scambiano indirizzi di spacci e negozi dell'usato dove compri di tutto: dalle scarpe ai passeggini, tutto al 50%.

Nell’economia di una famiglia, si sa, i pannolini rappresentano una delle voci di spesa più forti. Perciò, un po' perchè è uno schiaffo alla miseria, un po' perchè ho sempre avuto un'anima ecologista, ho deciso di sperimentare con mio figlio i pannolini ecologici che si possono trovare in negozi specializzati per l’infanzia, nelle erboristerie e anche on line.

Si tratta di pannolini che si possono riutilizzare, cioè che si possono lavare. Non è un ritorno al passato, ai vecchi pannolini di una volta, ma una evoluzione: stiamo parlando di pannolini in spugna di cotone organico oppure in fibra di bambù, ad alto potere assorbente che si possono mettere in lavatrice, anche a sessanta gradi, e non hanno bisogno di essere stirati.

Garantiscono un risparmio dal 50 al 70 per cento perché ogni pannolino può sopportare sino a 250 lavaggi, quindi in un anno ne bastano 18-20 a bambino contro i mille necessari per quelli usa e getta. Questi pannolini, che non vanno confusi con quelli biodegradabili, ci consentono di adottare un comportamento ecologico, di rispetto nei confronti dell’ambiente, perché si producono mille chilogrammi di rifiuti in meno, per ogni neonato, in un anno.

Un altro buon motivo per scegliere un pannolino ecologico è la salute del bambino: con questi capi, infatti, la pelle è a contatto con il cotone che lascia traspirare la pelle riducendo il rischio di irritazioni.

Calcoliamo il risparmio

Se facciamo una media abbastanza approssimativa, possiamo dire che fino a 1 anno un bambino usa 8 pannolini al giorno. Otto pannolini x 365gg = 2.920 pannolini per il primo anno. Il costo medio di una confezione di 24 pannolini usa e getta è di 7 euro. Un pannolino, quindi, ha un costo che si aggira sui 29 centesimi di Euro. Moltiplicando il numero complessivo di pannolini usati un anno che è 2.920 per 0,29 centesimi abbiamo un costo totale di circa 850 Euro (847 Euro precisi). In caso di pannolino ecologico, invece, il fabbisogno è di circa 18 capi che ad un costo medio di 15 Euro per un totale di 270 Euro.

Come è fatto un pannolino ecologico: se il vostro timore è quello di fare più fatica, voglio tranquillizzarvi. Anch'io ho pochissimo tempo a disposizione e l'ultima cosa che volevo era complicarmi ancora di più la vita di mamma in carriera. Ma non è così. Il pannolino ecologico lavabile, infatti, è composto dal pannolino in spugna di cotone o bambù, da un inserto sempre in cotone per aumentarne l’assorbenza e da un velo in cellulosa lavabile e biodegradabile per raccogliere le feci e che va buttato. Sopra viene inserita una mutandina in microfibra traspirante e impermeabile. Una volta usati si lavano in lavatrice a 60° e si asciugano al sole, sui termosifoni o nell’asciugatrice.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: