Modella a 4 mesi: come fare - prima parte

trucchi e consigli per far fare la modella a tua figlia, neonata

Trucchi e consigli per far diventare i tuoi figli modelli già dalla culla. Ce li dà Cristiana, madre della bellissima bambina nella foto. Premettendo che far lavorare i figli in pubblicità non è un'attività che mi rende entusiasta, ho apprezzato di questa madre, lettrice e commentatrice di Bebeblog, la schiettezza e le dritte utili, il suo atteggiamento pacato e divertito.

Alla domanda su come avesse iniziato, ecco la sua disarmante risposta:
Gli occhi di Sofia sono sempre stati di un blu molto intenso e i suoi lineamenti, da neonata, sembravano di una bambola. Così ho pensato di mandare alcune sue foto a un'agenzia di Milano con cui una mia parente aveva lavorato da bambina. Mi sono informata su internet e ho inviato le immagini. Sono stata contattata dall'agenzia che, dopo aver fatto firmare a me e mio marito una liberatoria sull'utilizzo dell'immagine della bambina, ha cominciato a chiamarci per alcuni casting. Il primo è stato per il catalogo di un brand scandinavo, Mexx. Sofia è stata selezionata. Aveva 4 mesi.

Quando ho ingenuamente domandato come si realizzasse il book fotografico, Cristiana mi ha subito dato la prima, importantissima dritta:
L'agenzia per cui lavora Sofia non richiede book fotografici, ma è sufficiente inviare loro, di tanto in tanto, foto aggiornate - che rendano giustizia ai tratti del bambino!!! - e lunghezza, peso, taglia e numero di scarpe. Molte agenzie obbligano i genitori a realizzare costosissimi book, dei quali si occupa l'agenzia stessa con un fotografo di fiducia. Personalmente nutro molti dubbi in merito all'utilità di questi book, in quanto i bambini piccoli cambiano talmente in fretta che - per avere immagini aggiornate - bisognerebbe rifare il book ogni 3-4 mesi. Ovviamente le spese sono a carico della famiglia.

Mi incuriosiva anche sapere dove si trovano le informazioni sui casting, ed ecco subito pronta la risposta:
L'agenzia - a cui noi non paghiamo nulla! - ci contatta in caso di ricerca da parte di un'azienda di una bambina che corrisponda a Sofia. Spesso viene fatta una prima scrematura da parte di azienda e agenzia pubblicitaria sulla base delle foto in possesso dell'agenzia. Il passo successivo è di solito un casting durante il quale vengono scattate alle bambine alcune foto, si fanno indossare abiti della misura che verrà utilizzata sul set e si vede come si comporta la bambina. Se si viene scelti, si viene contattati direttamente dalla propria agenzia, che comunica data ora e luogo dello shooting.

Sui casting, qualcosa vorrei aggiungere io e riguarda comunque le ore che il bambino è costretto ad attendere e provare senza sapere se sarà scelto. Spesso sono proprio i casting l'attività più faticosa e spesso quella dove il genitore rischia di non vedere se al bambino piace veramente o meno pur di partecipare sperando che sia selezionato. Questo peraltro non sembra proprio il caso della nostra Cristiana. Per sapere se e quanto pagano e come si comporta Sofia durante gli shooting, alla seconda parte. Se volete contattare la mamma per maggiori informazioni, la trovate su 100% mamma.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: