L'arte a misura di bambino: i giochi possibili


Usare i quadri di pittori famosi può servire per giocare oltre che per familiarizzare fin da piccoli i bambini all'arte. Innanzitutto, se potete, stampate o procuratevi riproduzioni di quadri e appendeteli ad altezza nano e sparpagliatene qualcuno pure per terra, così cominciate a creare aspettativa e mettere il piccolo in condizione di accorgersi che sta cominciando qualcosa. Non abbiate troppe aspettative, l'attenzione e la concentrazione dei bambini non è quella di un adulto che va a vedere una mostra al museo!

Si può usare un tema, il corpo umano per esempio o i paesaggi, e cominciare a fare domande perché il bambino presti attenzione ai disegni: cosa si vede oppure dov'è il naso della signora, quanti occhi ha, di che colore sono i capelli e così via. Domande generiche su "cosa vedi qui, che colori ha usato il pittore o a cosa assomiglia questo disegno" sono fattibili se il bambino già parla. Il gioco dipende infatti molto dall'età del piccolo, il mio aspirabriciole è nella tappa dell'apprendimento del corpo umano, così va matto quando gli chiedo di riconoscere ed indicarmi occhi, naso, bocca e capelli mentre sui colori nutre ancora una testarda indifferenza.

Foto | Clarity, Nathan, thewhoo, clarity, clarity.

giochi con bambini e pittori famosi




  • shares
  • Mail