Tempo per le famiglie, come organizzarlo: prima parte

La mancanza di tempo per me stessa è uno dei crucci che mi porto dietro. Probabilmente è la prima causa di nervosismo in famiglia. Eppure, essendo lavoratori precari, io e mio marito abbiamo almeno il vantaggio di avere spesso del tempo libero e di poter stare anche parecchio con nostra figlia. Nei momenti in cui lavoriamo entrambi, però, la tensione aumenta.

Una volta una mia amica mi disse: ricordati che ci sei prima tu, poi la coppia, poi la famiglia. Non intendeva in ordine di importanza, naturalmente. Voleva solo dirmi che se non mi preoccupo di me stessa non riesco a tenere in piedi la coppia e se la coppia non si tiene in piedi ovviamente anche la famiglia arranca. Ricordandomi le sue parole ho cercato di organizzare il tempo a nostra disposizione nel modo migliore possibile (ci lasciamo prendere facilmente dal caos e dall'agitazione).

Innanzitutto ho cercato di capire quando e come potevo stare sola soletta: la sera dopo le nove. Bene, avendo già un sonno incredibile alle otto e mezza, ho deciso che dico stop alle pulizie di casa già alle otto e che, dopo aver messo a letto la piccola, posso concedermi di stare nel lettone con una tisana calda ed un buon libro (che per me sono il massimo della vita, non storcete il naso). Ovviamente ognuna di noi ha gusti diversi: una mia amica si riempie di caffè alle otto per poter poi andare a cinema alle nove; un'altra non rinuncia all'appuntamento settimanale dal parrucchiere e così via.

Successivamente ho proposto a mio marito di "incontrarci" di proposito per stare insieme. C'è stato un momento in cui entrambi eravamo liberi il martedi mattina, il che era perfetto visto che non abbiamo nonni cui delegare l'accudimento della piccola e non possiamo permetterci la baby sitter. Ogni coppia è libera di scegliere l'attività che preferisce (tralasciamo le più ovvie), ma a volte anche solo fermarsi a prendere un caffè insieme, andare a comprare i giornali, senza ansia, senza dover correre è una gran cosa. A volte, si può fare a turno con gli amici o portarsi dietro una giovane baby sitter cui offrire la pizza che poi corre dietro al pargolo mentre esplora il ristorante, senza farci noi carico di questa preoccupazione.

Noi, da quando abbiamo cominciato a rispettare questo appuntamento ci siamo sentiti più tranquilli e sereni. Così siamo passati ad organizzare il tempo familiare. A volte frequentare altre coppie con figli è rumoroso, ma confortante e la stanchezza fisica dell'aver fatto tardi è compensata da una maggiore serenità e alleggerimento della tensione. Ma è stato a questo punto che ho fatto una grossa scoperta.

  • shares
  • Mail