Natalia Ginzburg, i diritti delle donne e la maternità

tre donne incinte

Oggi, Giornata internazionale della donna, mi sono ritrovata tra le mani un'intervista alla scrittrice Natalia Ginzburg, pubblicata da Einaudi. Parlando di femminismo, la Ginzburg così commenta:

Io penso poi che le donne, certo che devono avere gli stessi diritti degli uomini, però hanno più doveri e su questo non c'è niente da fare. E' così e non c'è niente da fare: gli è toccato un destino più pesante, e non c'è femminismo al mondo che liberi le donne di questo destino. Penso che la maternità sia più faticosa che non la paternità, perché è più forte il legame che tiene strette le madri ai figli. Ed è qualcosa di insostituibile, e crea un peso alle donne grandissimo, che gli uomini non hanno. Di questo bisogna tener conto, secondo me.

E' davvero così, lettrici e lettori di Bebeblog? Oppure le donne hanno il privilegio di un legame speciale, mentre il peso non è dato dal legame quanto dal contesto sociale in cui viene vissuto? Mi spiego: se ogni donna avesse accanto un uomo come quelli incontrati da noi nei blog, ad esempio il papà che scrive su Congedo parentale, e se avesse dalla sua parte una legge che la tutela e la aiuta, non sarebbe tutto diverso? Voi cosa ne pensate?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: