Neonati veri, non bambole

Bambole che rappresentano neonati

Avete mai visto, su Mtv, la trasmissione 16 and Pregnant? Le telecamere seguono la gravidanza di diverse adolescenti e ce ne raccontano, le paure, le gioie, le difficoltà (genitori arrabbiati, fidanzati che spariscono nel nulla).

Mi sono ricordata che negli States esistono dei programmi per la prevenzione delle gravidanze giovanili e uno di questi consiste nel fornire agli adolescenti una bambola neonato da accudire in coppia. La bambola si calma solo se i suoi bisogni vengono soddisfatti. Consente, in pratica, una simulazione della vita reale con un neonato.

Ed è proprio qui il punto. E' una simulazione. Per quanto difficile possa essere, nella loro testa gli adolescenti hanno sempre chiara l'idea che si tratta di una bambola, che se non la nutriranno non passeranno il test scolastico e fine della storia.

Non sarebbe più interessante affiancare gli adolescenti a delle vere donne incinta, anche coetanee se necessario, per verificare che quando vomiti vomiti davvero e che se di notte il pargolo sirena non vuole saperne di smettere tocca passare la notte svegli e poi andare lo stesso a scuola? Forse sarebbe una buona esperienza, senza contare che le neo mamme avrebbero un aiuto in più.

Foto | https://www.flickr.com/photos/markscott/113470117/

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: