Allattamento al seno: a orario o a richiesta?

allattamento al seno con orari o a richiesta

Se l'allattamento al seno deve essere a richiesta del neonato o seguendo degli orari è la domanda che una madre al primo figlio si farà certamente. E tutte quelle che ci sono già passate hanno una risposta, ma la risposta ce l'hanno anche nonne e suocere, pediatri e ostetriche, puericultrici ed esperte on e off line. La verità è che l'allattamento seguendo un orario è fondamentale se usate il latte artificiale, perché non bisogna superare le dosi consigliate dal pediatra mentre sul latte materno, ne potete dare a volontà.

La difficoltà dunque non è tanto di metodo ma di come vi sentite voi più comode. Può capitare che vi sentiate esauste e con la sensazione di averlo avuto attaccato al seno tutto il giorno, quasi senza pausa, quella che io (e tante amiche) chiamano la sindrome della "mucca da latte". Il consiglio che ho ricevuto più sensato e meno foriero di sensi di colpa è stato: soprattutto all'inizio, le primissime settimane, prova a dargli il latte quando pensi che ne abbia voglia, quindi a richiesta.

Foto | Flickr

Quando avrai capito le sue e le tue routine, prova a verificare i tempi tra una poppata e l'altra e, se vuoi, stiracchiale un po', fino a 3 ore tra un'abbondante poppata e l'altra il piccolo dovrebbe stare tranquillo. Il segreto è non volersi ostinare in una soluzione per forza, anche se la suocera la caldeggia con parole tipo "guarda come sono venuti su i miei ragazzi, poppando ogni 3 ore" oppure "attenta con tutte queste poppate che cominci subito a viziarlo". L'importante è ascoltare voci sensate e comprensive in questa primissima e delicata fase della maternità.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: