Giocare all'aria aperta: un must per i bambini

I bambini e il gioco all'aria aperta E' arrivata la primavera e con lei l'ora legale. "Ora puoi far uscire i bambini il pomeriggio", così diceva mia nonna a mia mamma quando ero piccola, e iniziava quell'aria frizzantina.

Per fortuna c'era il cortile sotto casa: io e mio fratello passavamo interi pomeriggi a giocare con gli amichetti di zona e si facevano tanti giochi, di squadra, salto alla corda, partite di pallone maschi contro femmine, ricordo con nostalgia quei tempi. Putroppo con i nostri figli sembra tutto diverso, i parchi sono di meno, gli spazi per giocare all'aperto nel quartiere sono sempre più ristretti, il nostro vecchio cortile è stato recintato con la conseguenza che una miriade di gatti l'hanno trasformato in "zona franca".

Il periodo fresco prima che arrivi il gran caldo è quello giusto per far scaricare i piccoli fuori casa per almeno tre ore, ma ci sono i compiti, le attività sportive e la difficoltà di organizzare dei pomeriggi all'aperto, senza avere a disposizione un cortile o una zona in cui possano confluire i piccoli del quartiere, con gli orari di lavoro che incombono, e le preoccupazioni di lasciare i figli troppo liberi e incustoditi con la gente "poco raccomandabile che gira" (come dice sempre una mia amica).

Sembra facile da risolvere, ma nel mondo di oggi non lo è. Uno studio condotto dall'Università di San Diego ha dimostrato che bambini dai 9 anni in su passano in media tre ore al giorno a giocare all'aperto ma più crescono più il tempo che passano fuori si assottiglia (dai 15 anni in su il tempo scende a 45 minuti al giorno, con solo 35 minuti al giorno durante il fine settimana). E' una brutta tendenza perchè i bambini hanno bisogno di divertirsi all'aria aperta per il corpo e lo spirito.

Via | EmpoweringParent
Foto | Flickr


John McPherson
esperto in genitorialità commenta così la tendenza:

"Trascorrere del tempo fuori lascia che un bambino sia un bambino. Permette loro di usare l'immaginazione, sporcarsi, essere indipendenti, passare del tempo con gli altri e fare un po' di movimeto. Questo è ciò che i bambini devono fare e hanno fatto per secoli. È solo negli ultimi quarant'anni che, invece di essere all'aperto i ragazzini sono incollati davanti allo allo schermo della tv o del computer."

E voi riuscite ad organizzarvi per far giocare i bimbi all'aperto quotidianamente?

  • shares
  • Mail