Quando il pannolino lo cambia il papà

quando i pannolini li cambiano i padri divertente bambini

Quando i pannolini dei neonati sono i padri a cambiarli, allora sì che c'è da ridere. Ma soprattutto se il padre in questione sa scrivere bene ed è sufficientemente ironico. Ecco l'esperienza raccontata da Baricco, dove la sintesi è "Fisicamente, cambiare un pannolino, brucia le stesse calorie di una partita di tennis. Psichicamente il padre post-pannolino tende a sentirsi spaventosamente buono e in pace con se stesso. Per almeno tre ore e convinto di avere la nobiltà d’animo di Madre Teresa di Calcutta. Quando l’effetto svanisce, subentra un irresistibile desiderio di essere single, giovane, cretino e un po’ di destra."

Tutto comincia così: "Il pannolino può essere cambiato per tre ragioni: a) perché lo dice la mamma; b) perché lo dice la suocera; c) perché il bimbo ha cagato." E prosegue con la storia del fasciatoio "Il fasciatoio è un mobile che quando lo vedi a casa tua, capisci che un sacco di cose sono finite per sempre, tra le quali la giovinezza." Ammetto che anch'io l'ho pensato per un attimo qualche settimana prima del parto.

Oppure tutto sulla "Pasta di Fissan, un singolare prodotto nato da un amplesso tra la maionese Calve e del gesso liquido, ne riempite il sedere del pollo e naturalmente ve ne distribuite variamente in giro per giacche, pantaloni, ecc. A quel punto avete praticamente finito. A quel punto il bambino fa pipi." Quanto è vero, a me è successo innumerevoli volte!

Oppure questa, che il papà di mio figlio fa regolarmente, abbottonare le clip delle tutine come se fosse il gioco dell'elastico. "Quando Dio cacciò gli uomini dal paradiso terrestre disse: partorirete con dolore e dovrete chiudere le tutine dei vostri figli con i poussoir. Per chiudere un poussoir bisogna avere: grandissimo sangue freddo, mira eccezionale, culo della madonna. Il numero di poussoir presente in una tutina è sorprendente e, perfidamente, dispari."

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail