I passeggini nelle grandi città: aiuto o ingombro?

gli ostacoli che si incontrano con i passeggini nelle grandi città

Sul Corriere Tv ci hanno fatto un servizio, "Il percorso ad ostacoli dei passeggini": una mamma con due figli a Milano, uno dei quali in passeggino. Vi potete immaginare cosa ne è venuto fuori: ostacoli da tutte le parti, tra i quali, tipico di Milano, le macchine che parcheggiano sul marciapiede ed i tram elettrici alcuni dei quali sono di difficile accesso per un adulto atletico ed in buona salute, immaginatevi una mamma col passeggino!

Ma non è solo Milano, penso alle strade del centro medievale di Firenze dove il marciapiede è appena sufficiente per una persona magra o le buche ed i sampietrini di alcune aree pedonali: belli ed evocativi dei fasti passati quando scomodi per il povero bambino che sembra sballottato peggio della chiara dell'uovo mentre si monta a neve!

In generale però, la cosa che più colpisce sono gli edifici pubblici, addirittura il consultorio familiare dove c'è il medico o la metropolitana. Servizi pubblici che paghiamo tutti ma che non sono pensati e realizzati per le esigenze di tutti, passeggini inclusi. Sarà per questo che è tanto in voga la moda dei marsupi e delle fasce porta bebé? Forse, ma c'è una fase della vita dei nani, superati i 10 chili e non raggiunta ancora la maturità motoria che il passeggino è proprio utile per non fare la figura dello sherpa.

  • shares
  • Mail