Come deve essere una scuola dell’infanzia a regola d’arte

Scuola infanzia Asili nido e scuole materne devono rispettare una serie di norme e requisiti per potersi definire adeguate. L’Ente nazionale italiano di unificazione (UNI) ha pubblicato una norma ad hoc per le scuole dell’infanzia, la UNI 11034 denominata proprio “Servizi all’infanzia - Requisiti del servizio”.

La norma si applica a tutti i centri infanzia che si occupano di bambini tra 0 e 6 anni: asili nido, scuole materne e servizi integrativi all’infanzia. Nella disposizione sono previsti requisiti sia per il progetto educativo che per la struttura intesa in senso concreto che per il personale.

Nel primo caso è necessario che ogni centro predisponga: un documento tecnico che prescriva le pratiche, le procedure e le proprie strategie per svolgere l’attività; un piano annuale delle attività di controllo, per verificare che gli obiettivi vengano rispettati; e un calendario annuale suddiviso in mesi, giorni ed ore dedicate alla cura dei bambini.

Particolare attenzione è dedicata alla fase dell’inserimento. Secondo la norma, infatti, la struttura deve garantire la presenza di una figura familiare che affianchi il bambino nella fase di ambientamento con tempi graduali e che vi sia continuità di frequenza.

Per quanto riguarda gli spazi ogni struttura deve avere aree adeguate per l’accoglienza, per il riposo, per i servizi igienici, per la cucina se previsto il servizio mensa e per il gioco sia all’interno che all’esterno dell’asilo e della scuola.

Determinate competenze e percorsi formativi sono infine previsti per il personale: i collaboratori devono infatti essere diplomati o laureati in pedagogia con competenze gestionali e specifiche per il lavoro di gruppo ed esperienza tecnica e/o educativa.

Via | UNI
Foto | zaya77

  • shares
  • Mail