Mamma, preferisco papà

Cuore disegnato con il gesso

Mia figlia, come anche i vostri suppongo, ogni tanto elargisce perle di saggezza miste ad affermazioni poco carine sul mio conto. Passi quando mi spiega che devo vestirmi da donna e non stare sempre e solo in jeans e scarpe da ginnastica, ma quando comincia a spiegarmi che il preferito è papà allora medito davvero una fuga da casa.

Normalmente papà è il preferito perché non dice no, l'accontenta, la fa andare a letto tardi e non prima di aver fatto un videogioco e letto insieme un fumetto. La mamma, si sa, è cattiva perché è quella che impone le regole, che la accompagna alla scuola materna che lei odia, che le dice che deve mangiare le verdure.

L'altro giorno, per un attimo però, deve essersi resa conto che alla fin fine anche io ci rimango male a furia di sentirmi ripetere che non mi sopporta e che sono cattiva. Così, in un momento di quiete, piena d'amore per la sottoscritta, mi ha detto: "Mamma, devo dirti una cosa. Io preferisco te. Quando non c'è papà".

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail