Qual è la composizione del latte materno

milkIl latte materno è particolarmente ricco di nutrienti essenziali per la crescita del bambino, perché contiene proteine, probiotici, grassi, lattosio, minerali e vitamine, con proporzioni variabili secondo il periodo dell’allattamento – che si suddivide in tre fasi principali – oltre che, naturalmente, la dieta alimentare seguita dalla mamma che allatta. Tuttavia in alcuni casi, per varie ragioni, allattare non è possibile e allora è bene chiedere consiglio al pediatra su quale latte “artificiale” sia il più adatto al proprio bambino.

Il primo latte, che si sviluppa dal giorno del parto per i primi cinque o sei giorni di vita del bambino, si chiama colostro ed è quello che aiuta il neonato a sviluppare il primissimo sistema immunitario facendo fronte anche alla perdita di liquidi e al trauma dal grande dispendio energetico che comporta la nascita. Contiene beta-carotene, che stimola la produzione di melanina e la formazione dei tessuti, ma anche proteine, sali minerali, anticorpi.

La seconda fase di lattazione produce invece il cosiddetto latte di transizione che dura circa un paio di settimane e che si arricchisce di zuccheri riducendo la quantità di proteine e aumentando quella dei lipidi. In questa fase il bambino comincia a crescere e ha bisogno di un maggiore apporto calorico. Il latte maturo della terza fase, invece, rimarrà poi tale fino allo svezzamento e conterrà soprattutto lipidi e glucidi ma anche proteine e sali minerali. Allattare tuttavia fa bene non solo al bimbo ma anche alla mamma, perché la suzione del neonato stimola nel corpo della madre la produzione dell’ossitocina, un ormone che agisce sull’utero favorendone la contrazione perché torni alle normali condizioni fisiologiche pre-parto.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail