Produrre energia dai pannolini usati

diaperInutile domandarvi cosa ci facciate con i pannolini sporchi, la risposta può essere una sola: li buttate, preferibilmente il più rapidamente e il più lontano possibile dal vostro naso. A meno che, certo, non vi siate già convertiti ai pannolini lavabili ed ecologici. Ma se non è questo il caso potreste scoprire che presto sarà possibile riciclare i pannolini usati anche in un altro modo, producendo energia.

Considerate che un bambino nei suoi primi due anni di vita arriva a consumare circa 6000 pannolini in media. Tutta spazzatura fino ad ora non riciclabile. Un'azienda francese ha però allo studio un nuovo programma che intende riciclare i pannolini sporchi riuscendo a produrre energia e anche nuovi materiali riutilizzando gli scarti plastici e organici.

L’esperimento si chiama Happy nappy e si pone l’obiettivo di produrre energia attraverso il biogas dai residui organici, concimi con quel che rimane degli stessi residui e nuovi materiali dalle plastiche riciclabili. Si comincia con il separare plastiche, polimeri assorbenti, fibre e residui organici da quel che resta di un pannolino sporco buttato via. I residui organici si mettono a fermentare perché producano biogas, poi si lavorano per farne fertilizzanti. Il resto va al riciclo classico. Un bel passo avanti, non trovate?

Foto | Flickr

Via | SerPadres

  • shares
  • Mail