I bambini sono consapevoli dei loro errori

errorL’arte della deduzione non è solo roba da Scherlock Holmes, ma quella che potremmo definire in senso proprio letterale un gioco da bambini: pare infatti che sin dai 16 mesi di età i piccoli siano in grado di distinguere con piena consapevolezza se hanno sbagliato, dove e come, e decidere di conseguenza se chiedere aiuto o provare con un nuovo procedimento a raggiungere i propri obiettivi. La scoperta, che comunque non ci dice poi molto di nuovo perché basta osservare i nostri bambini per rendersene conto, viene dal MIT, negli Stati Uniti.

Gli scienziati, che hanno pubblicato i risultati della ricerca sulla rivista Science, hanno osservato dei bambini giocare con vari tipi di giocattoli che richiedono di essere accesi, per esempio, o usati in un certo modo per produrre un risultato. Hanno verificato dunque che già da poco più di un anno di età sanno rendersi conto dei propri errori e risolverli, o tentando un nuovo approccio oppure chiedendo aiuto ai propri genitori, presenti al momento degli esperimenti.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail