Papà che parlano con i bambini nella pancia

pregnant wifeStiamo vivendo l’era della comunicazione, ma ci sono alcuni tipi di essa che esistono da tempo immemore e da altrettanto tempo continuiamo a praticare più o meno consapevolmente, sempre e comunque emotivamente: parliamo della comunicazione con il bambino che aspettiamo, ancora dentro la pancia. La comunicazione tra madre e figlio è di natura del tutto particolare, lo sappiamo, ma anche i papà hanno preso spesso l’abitudine di cominciare a parlare con il proprio bambino quando è ancora un pesciolino nell’acqua. È un mezzo importante che abbiamo a disposizione per cominciare a stabilire un rapporto affettivo e creare una relazione tra padri e figli che per forza di cose è, almeno all’inizio, meno intensa di quella che lega la madre ai propri figli.

Gli studi sull’argomento hanno dimostrato che i bambini reagiscono sempre agli stimoli esterni e dunque possiamo servircene a nostro vantaggio creando un ambiente piacevole per il bambino anche se ancora non lo abita in prima persona. Parlare con il proprio bebè ci viene del tutto naturale, in fondo, anche senza sapere quali possono essere la conseguenze sulla crescita del rapporto emozionale che si stabilisce. Alcune mamme semplicemente parlano alla pancia, altre raccontano favole, cantano oppure addirittura ballano a ritmo di certa musica, la propria preferita. Il bambino non solo sente, ma ascolta e con il tempo impara a distinguere i suoni e le voci tra di loro, riconoscendole. Parlare al bebè durante la gravidanza, dicono gli esperti, può rendere la gravidanza stessa più serena.

Per farlo al meglio è importante avvicinarsi il più possibile alla pancia della mamma e comunicare in modo sereno, con un tono di voce tranquillo ed esprimendosi in maniera chiara. Sembrerà strano immaginare che possa crearsi così un forte legame con il papà prima di vederlo e tenerlo tra le braccia ma in realtà può essere anche questa un’esperienza molto soddisfacente, nell’attesa durante la gravidanza.

Foto | Flickr

Via | GuiaInfantil

  • shares
  • Mail