E’ incredibile come lo stesso piatto sia in grado di cambiare nome in base alla provenienza, sicuramente anche qualche piccolo ingrediente è destinato a variare, la cosa importante è che rimanga uno dei piatti simbolo del nostro Carnevale.

Le chiacchere, crostoli, galani o frappe sono da sempre il dolce, assieme alle buonissime frittelle, simbolo del Carnevale, ma per chi come me ha qualche problemino a digerire cibi fritti, oppure è obbligato a far seguire diete rigide ai figli, tali dolci sono tassativamente proibiti, in sintesi se li mangi ne risente il fisico se non li mangi l’anima, e la pancia, potrebbe ribellarsi.

L’adulto ancora ancora riesce a farsene una minima ragione, per lo meno prova a raccontarsi una serie di scuse legate alla dieta del momento, ma i bambini potrebbero avere del risentimento in tal senso, per questo ho scovato la ricetta dei galani al forno.

Una via di mezzo, perchè sempre di dolci si tratta ma almeno non si cucinano tramite frittura ed è già un notevole traguardo, gli ingredienti per 4 persone sono: 500 G Farina, 50 G Zucchero, Zucchero A Velo, 3 Uova Intere, 1/2 Bicchiere Grappa, Aroma Di Limone (o Vaniglia), 1 Bustina Lievito, 1 Uovo Sbattuto Con Poco Latte, 40 G Olio D’oliva (o 50 G Di Burro Fuso).

Bisogna formare la fontana con la farina, come Nonna Papera, disporvi gli ingredienti ed impastare come la pasta all’uovo; stendere la pasta con la macchina allo spessore di 2 mm, formare le chiacchiere con la rotella o con gli stampini dei biscotti, pennellare con uovo e latte, cuocere in forno a 210 gradi per circa 10-12 minuti. Far raffreddare e cospargere con zucchero a velo.

Non sono la stessa cosa del delizioso dolce fritto, ma almeno permettono di assaporare le delizie del Carnavale.

Via | ricettepercucinare.com
Foto | withoutpretences.wordpress.com

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Alimentazione per bambini Leggi tutto