Mamma, voglio pattinare

Quale sport per i nostri bambini? L’importante è che si divertano, che sia uno sport che li diverte e che non li metta sotto pressione.


Quando una donna pigra ha una figlia iperattiva e appassionata di ogni genere di sport, non c’è che una cosa da fare: mandarla dal papà (che a suo tempo è stato iperattivo anche lui e ha provato praticamente quasi tutti i tipi di attività sportiva). Prima di spedirla dal mio legittimo consorte, però, ho sondato il terreno per capire quale genere di pattinaggio le interessasse. Molte delle sue amiche, infatti, frequentano corsi di pattinaggio artistico. I pattini, costosi, sono dotati di tacchi, freni e delle classiche quattro ruote disposte su due file. A fine anno le bimbe si esibiscono in un saggio di danza sui pattini, complete di chignon, tutù e trucco. Mia figlia non ha voluto neanche sentirne parlare.

Per quanto le piacerebbe diventare una Winx, l’idea di esibirsi davanti ad un pubblico la frena ancora molto. Allora le abbiamo mostrato i pattini in linea ed è stato amore a prima vista. Ci ha assillati finché non gliene abbiamo comprato un paio (per circa cinquanta euro e si allargano man mano che il piede cresce) e ha passato le prime due ore a ridere, urlare e arrabbiarsi finché non ha conquistato un minimo di equilibrio. Ora avrà per molti pomeriggi gli allenamenti con il suo personal trainer (il papà). Visto che questa settimana, però, faranno provare il mini basket ai bambini più grandi della materna, temo che a breve riceverò anche la richiesta di un canestro.

Foto | Flickr