Moda bambini: nasce il baby-sign

quinny Che genitori siete? Di quelli casual e easy perché pensate che i bambini si sporcano di continuo e crescono presto e, quindi, non vale la pena spendere troppo per il loro abbigliamento oppure di quelli modaioli che si divertono a vestirli curando anche gli accessori?

Ve lo chiedo perché ho da poco appreso della nascita e diffusione di un nuovo settore merceologico che si chiama "baby-sign", derivazione di baby + design. Già il termine ci fa capire che si tratta di qualcosa di esclusivo e certamente molto costoso, che di questi tempi non è proprio alla portata di tutti.

Tra gli stilisti più all'avanguardia del baby-sign c'è il danese Henrik Vibskov che ha disegnato accessori, tutine e passeggini con un tocco da street style se non fosse – appunto – per i prezzi. Giusto per darvi un'idea, il tutone imbottito che vedete nella foto costa 180 Euro!!! Bello, è bello – per carità! Però, i 180 Euro si potrebbero impiegare meglio. Che ne dite?

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: