Quelle di noi che hanno amato i libri di Sophie Kinsella e che aspettano il film di cui ha già più volte parlato Cineblog, hanno capito dal titolo del post dove voglio arrivare. Per le altre ecco un mega riassunto: la Kinsella ha scritto una serie di libri, pubblicati con il titolo I love shopping (I L S in bianco, I L S a New York, eccetera), che raccontano le avventure di Becky, afflitta da mania dello shopping. Pur mettendosi regolarmente nei pasticci con genitori, fidanzato, amiche, banche, datori di lavoro, suocera, Becky trova sempre alla fine il modo di saldare i suoi inevitabili debiti e di migliorare la sua vita affettiva e lavorativa. L’ultimo capitolo della saga vede Becky felicemente sposata e in attesa di un bimbo.

La gravidanza diventa per lei una meravigliosa opportunità per ricominciare a sprendere senza ritegno e con un’ottima scusa: lo faccio per il bambino! Sono volutamente breve nel raccontare la trama e i dettagli di questi romanzi che sono scritti molto bene e regalano momenti di vero divertimento a noi lettrici. Vi invito a dare un’occhiata a tutta la “saga”. Personalmente ho amato più i primi capitoli, ma è stato solo leggendo I love shopping per il baby, ho capito che la gravidanza mette un po’ a tutte noi la voglia di spendere.

Io personalmente non sono una fashion victim, vivrei sempre di jeans e maglioni, ma all’improvviso, sapendo di aspettare una bambina ho scoperto quanti negozi ci sono e quante linee di abbigliamento. Fortunatamente le mie magre risorse economiche mi costringono a scegliere oculatamente e il mio buon senso mi impedisce di indebitarmi, tuttavia, a dispetto di tutta la ragionevolezza di cui mi fregio, certe volte penso che se avessi una carta di credito comprerei tre passeggini diversi, una mega cameretta piena di accessori e ovviamente decine e decine di jeans da bambina! Chissà se è lo stesso per qualche papà…

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Libri e Riviste Leggi tutto