Mamma, mi compri un porcellino d'india? No, se siete in gravidanza

Mamma, mi compri un porcellino d'india? No, se siete in gravidanza. La mia piccola insiste spesso per avere un piccolo animale domestico in casa. Io sono un po' contraria perchè é un impegno, non un gioco, e i bambini, dopo il primo entusiasmo per le novità, si stancano.

Ma se sono allergici al cane o al gatto il primo pensiero va sicuramente al criceto o al porcellino d'india (anche detto cavia) perchè hanno una natura mansueta e docile, sono adatti ai bambini e anche di facile gestione se si tengono in casa. Sono affettuosi e hanno un musetto molto simpatico.

I porcellini d'india (deliziosi quelli a pelo lungo!) che appartengono alla famiglia dei roditori, vivono in molte famiglie con bambini. Ma se siete in gravidanza o avete intenzione di aspettare un bimbo dovete avvertire il primogenito che dovrà avere un po' di pazienza perchè i roditori possono portare un virus chiamato coriomeningite linfocitaria che può causare gravi difetti al feto o addirittura provocare un aborto spontaneo.

Animali domestici come criceti e porcellini d'india possono essere infettati dalla coriomeningite linfocitaria dopo essere stati in contatto con roditori selvatici presso allevamenti o negozi di animali. Come si può essere infettati dal virus? Attraverso il contatto con urina, sangue, saliva, escrementi di un roditore. L'infezione può diffondersi anche se la persona respira polveri o bollicine microscopiche sospese nell'aria che trasportano il virus. Se avete bimbi è, quindi, importante anche tenere il porcellino d'india lontano dal viso dei piccoli, far pulire la lettiera ad un adulto, e lavarsi subito le mani.

Via | NewsMomsNeed
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail