Otto gemelli: nascita record in California

Ebbene sì, sono nati otto gemelli. E’ il secondo caso, dopo quello analogo del 1998, negli Stati Uniti. Stavolta però, dell’ottavo pargolo nessuno sapeva niente: i medici se ne sono accorti ritrovandosi otto e non sette cordoni ombelicali fra le mani. D’altronde è comprensibile che uno fosse sfuggito visto il caos che c’era nel pancione.

Ebbene sì, sono nati otto gemelli. E’ il secondo caso, dopo quello analogo del 1998, negli Stati Uniti. Stavolta però, dell’ottavo pargolo nessuno sapeva niente: i medici se ne sono accorti ritrovandosi otto e non sette cordoni ombelicali fra le mani. D’altronde è comprensibile che uno fosse sfuggito visto il caos che c’era nel pancione. La mamma è contenta, il papà anche, ma non hanno permesso che trapelassero dati personali. Ovviamente, anche se non lo hanno dichiarato, è molto probabile che si siano sottoposti a cure per la fertilità e ovviamente intorno a questa storia si sono scatenate le solite polemiche.

Sentivo in uno dei servizi trasmessi in tv che c’è stato chi ha tuonato contro queste fecondazioni selvagge che mettono a repentaglio la vita di mamme e bambini; chi ha rimproverato la allora futura mamma per non aver scelto la via dell’aborto terapeutico (ovvero eliminare un po’ di embrioni-feti per ridurre i rischi). Ad ogni modo ora siamo tutti in attesa di vedere come andrà a finire e naturalmente facciamo il tifo per la numerosa famiglia. Certo che, se penso che le mamme di soli due gemelli che incontro al nido sono abitualmente stremate e che questa neo mamma vuole allattare i suoi, tutti e otto, al seno non posso che brindare al loro coraggio e alla mia fortuna!