Educazione: le fiabe classiche sono spaventose?

Le fiabe classiche per bambini sono spaventose?
Ricordo che da bambina fui sconvolta dal film "Bambi" della Disney quando il tenero cucciolo rimane senza mamma, e per un piccolo essere separato dai genitori in tenera età è traumatico. Per me fu un momento difficile (superato) ma avevo tre anni ed é stato sconvolgente.

E poi, devo essere sincera, non ho mai letto le favole di "Hansel e Gretel", "Pollicino" e "La Regina delle Nevi", alla mia bambina quando era piccola, e per ora non lo farò nemmeno per il secondo. Anche "Cappuccetto rosso" é spaventosa ma la morte della nonna può essere raccontata in maniera più dolce, più facilmente di altre storie per bambini.

Le fiabe classiche sono belle, educative, e ce ne sono di ogni tipo più o meno "terribili" ma per sconvolgere un piccolo da abbandoni, rapimenti e divoratori di bambini c'è tempo. Aspettare qualche anno in più non guasta. E molti altri genitori la pensano come me.

Su BBC segnalano che nel corso di una ricerca mille genitori (su duemila) considerano le fiabe classiche terrificanti per i bimbi di tre, quattro o cinque anni. Si può dire che nel mondo di oggi capita di peggio, ma per parlare ad un bimbo di alcuni argomenti "difficili" da capire c'è l'età più giusta. Spetta a noi genitori capire quando è arrivato il momento. Voi che ne pensate?

Via | IVillage
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail