I nostri bambini sono diventati delle schiappe nello sport

In vent’anni i bambini hanno perso un minuto e mezzo nella corsa di tre chilometri; colpa di playstation e computer.

di debora



Uno dei ricordi più nitidi del mio viaggio in Kenya, zona Malindi. La nostra 4×4 che attraversa un villaggio, ed una torma di bambini che correvano dietro la nostra auto; bambini che chiedevano caramelle (e questa era la parte più triste), ma anche bambini che ridevano e facevano a gara tra loro, a chi andava più veloce, a chi aveva più resistenza. Uno dei giochi più semplici che ogni bambino può fare: correre.

Ed oggi, uno studioso norvegese, ha pubblicato i risultati di uno studio che dimostrano, nero su bianco, quello che già sappiamo: i nostri bambini sono diventati delle schiappe nello sport. E badate bene, che non si tratta di un confronto tra bambini di etnie diverse, ma di un confronto nel tempo; come eravamo fino a 20 anni fa, e come siamo diventati oggi: delle schiappe appunto.

I bambini di oggi, impiegano un minuto e mezzo in più per percorrere 3.000 metri, rispetto ai bambini della stessa età degli anni ’80. Un vero e proprio crollo, maggiore tra i maschietti, imputabile ad uno stile di vita più sedentario, passato tra playstatione computer, con l’obesità che avanza, e il tempo passato a giocare all’aperto , che diminuisce.

Foto xavi talleda.

I Video di Bebèblog

Nursery Rhymes – Two Little dicky Birds with Lyrics