Che tipo di mamma sei? Forse ancora non sai bene a quale categoria appartieni. In realtà essendo per fortuna esseri umani a più dimensioni anche noi mamme abbiamo più sfaccettature. E’ anche vero, però, che quando ci incontriamo al parco o al supermercato emergono di noi solo alcuni lati. Per quanto mi riguarda sono assolutamente sicura che il lato di me che subito si nota è l’ansia: roteo gli occhi a trecentosessanta gradi per controllare che la Ben non stia facendo danni o che non si stia lanciando da altezze proibitive.

Queste sono invece le altre mamme che ho incontrato. La più divertente, che è contemporaneamente la più pericolosa, è la mamma distratta. Mentre le parli le chiedi: anche tu hai dei bambini? E lei replica: sì ….. mmmm ….. in effetti ….. dovrebbero essere qui ….. da qualche parte ….. non li vedo da un po’….. (si agita circa venti minuti dopo aver riflettutto sulle sue stesse parole).

La più stancante è la competitiva. E’ travestita da mamma socievole: si ferma subito a ridere e a chiacchierare e spinge, con una certa determinazione, i rispettivi figli a fare amicizia. In realtà sta solo cercando di capire quali argomenti sfoderare. Infatti poco dopo inizia: la tua ha ancora il pannolino? Davveeeeroooo? Il mio l’ha tolto che era ancora in fasce! La tua mangia? Nooooooo? Il mio mangia come un adulto! Si ferma solo dieci minuti dopo essersi accorta che tu sei andata via.

Agli antipodi ci sono la mamma che tratta i suoi figli come eredi al trono degni della più alta considerazione (aaamoooooreeeeee, vieni qui da mamminaaaaa, com’è dolce il mio tesoro, una meraviglia di bambino, mai avuto problemi) e il sergente di ferro che non riconosce al suo piccolo alcuna debolezza (ma sì dai, è solo sangue, smettila di piangere!).

La sportiva e la mamma in carriera sono quelle che ti fanno sentire come se non valessi niente: loro corrono corrono corrono, sia in pista che metaforicamente. Non riescono davvero a capire come sia possibile che tu sia stanca e sfiancata, loro cinque minuti dopo il parto si stavano allenando per la maratona di New York o stavano presiedendo una riunione in ufficio.

Quella che ti ridà fiducia in te stessa è invece la mamma super rilassata, così rilassata da sembrare depressa. Si stanca al solo pensiero di spostarsi dall’altalena al cavalluccio, non si trucca mai, non mostra il benché minimo entusiasmo nei confronti delle imprese di suo figlio. Al suo confronto mi sento iperattiva e iper presente.

Infine, c’è la super mamma. Quella che fa tutto da sola. Lei non compra mai niente di pronto. Mai niente che non sia biologico. Non affida i figli all’asilo prima dei tre anni. Non ha la baby sitter. Vive in macchina per poterli portare ai vari corsi cui ha iscritto i pargoli. Non chiede favori alle altre mamme. Cucina le torte anche per le altrui feste di compleanno. Sembra wonder woman. Magari i suoi figli sembrano un po’ stressati, ma tant’è.

Certo, anche i papà sono di vari tipi e magari la prossima volta potrei tentare un elenco specifico, ma sono animali rari, difficili da trovare al parco e diciamo la verità: molti di loro ci sembrano così cariiiniii coi loro piccoli che ci fanno dimenticare tutto quello che pensiamo dei padri dei nostri figli e che non osiamo dire.

Foto | Flickr

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Papà Leggi tutto