Quando si deve partorire, almeno secondo la mia esperienza, non vedi l’ora di farlo e le paure te le scordi: intanto sei stracuriosa di vedere il tuo bebè e di stringerlo tra le braccia, ma poi anche gli ormoni in circolo fanno la loro parte e dopo nove mesi e il conseguente aumento di peso (e di fatica a fare qualsiasi cosa) sei veramente pronta per il grande evento. Nell’attesa te lo sei immaginato un po’ in tutte le salse, ma alla fine in quale posizione è meglio partorire?

In questo articolo dicono che le donne per la maggior parte prediligono la classica posizione sul dorso (59%), mentre alcune (20%) avrebbero preferito farlo in piedi o accovacciate, stranamente non vengono citati i metodi più new-age tipo il parto in acqua.

Comunque spesso accade che a causa della posizione del feto, o della grandezza della sua testolina rispetto alla morfologia materna, si finisce a mettersi sulla schiena, soprattutto se si partorisce in casa o se incombono varianti dell’ultimo momento, come la scelta dell’epidurale. Certo sarebbe fantastico se le ostetriche ci aiutassero a partorire nella posizione desiderata, purtroppo non sempre è così; ma c’è da dire che queste donne fanno un lavoro preziosissimo e il più delle volte si trovano ad affrontare le famose ondate di nascite per cui, insomma, come viene viene, purchè il bebè stia bene!

Immagine | Flickr

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Cronaca Leggi tutto
I video di Pinkblog Guarda di più

Il vero robot di Gundam si muove